Announcement

Collapse
No announcement yet.

024 Differenza tra psicologia e spiritualità

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • 024 Differenza tra psicologia e spiritualità

    ← 023 Differenza tra religione e spiritualitàIndice025 Spiritualità e controllo →

    La psicologia è cura, la spiritualità è esperienza

    La differenza tra psicologia e spiritualità può risultare a prima vista difficile da individuare, poiché entrambe si occupano dell'interiorità umana, dei suoi contenuti e delle sue dinamiche, o anche sono l'interiorità umana. Ci si può chiedere, per esempio: sentirsi in disagio perché non si riesce a trovare un senso alla propria vita è una questione più che altro psicologica oppure essenzialmente spirituale? Questa domanda può farci da guida a distinguere la psicologia dalla spiritualità. Essa contiene due riferimenti principali: il senso della vita e il disagio. Di fronte ad essa la psicologia si occuperà di come risolvere lo stato di disagio, mentre la spiritualità si occuperà dell'esperienza interiore creata dal relazionarsi col senso della propria vita. Faccio osservare che non ho detto che la spiritualità cerca di capire il senso della vita: ho già avuto occasione di precisare, infatti, che la spiritualità non è tanto riflessione, ma soprattutto esperienza; essa non si occupa tanto di capire qual è il senso della vita, quanto piuttosto di vivere l'esperienza interiore che il senso della vita suscita dentro di noi.

    Tornando al nostro discorso sulla ricerca delle differenze, emerge che la psicologia non si occupa di trovare un senso all'esistenza: questo è un lavoro compiuto dalla filosofia; la psicologia non si preoccupa di fare attenzione all'esperienza interiore tale e quale; essa si preoccupa più del disagio e del benessere della persona. In questo senso ci è d'aiuto osservare che, dal punto di vista della ricerca che compiono, la psicologia è figlia della medicina, mentre la spiritualità è figlia della filosofia. Freud, considerato il padre della psicologia, fu anzitutto un neurologo che curava i suoi pazienti e cercava di restituire loro il benessere interiore.

    Purtroppo è possibile imbattersi molto facilmente in persone o testi che si occupano di spiritualità, presentandola anzitutto come via per il benessere e la felicità. A questo punto comprendiamo che proprio questo è un segno chiaro di impostura, ignoranza, falsità. Se la coltivazione di una certa spiritualità assume come scopo fondamentale la felicità e il benessere, vuol dire che manca di senso critico, il che significa che non stiamo avendo a che fare con una figlia della filosofia. La spiritualità, in questo senso, è piuttosto paragonabile alla letteratura, alla musica, alle arti: esse si praticano anzitutto non per la ricerca di un benessere o della felicità, ma perché si fanno apprezzare come occasioni di crescita, arricchimento, conoscenza. In questo senso, può benissimo accadere che un'esperienza artistica provochi perfino malessere, sofferenza e però viene scelta e praticata perché la si considera fonte di arricchimento culturale. Si può pensare, per esempio, a certi testi pessimisti sul senso della vita, come i libri scritti dal filosofo Emil Cioran. Questo discorso potrebbe essere piegato sostenendo che anche testi di questo genere vengono letti pur sempre in vista di quel certo benessere interiore causato dalla consapevolezza di avvicinarci a ciò che riteniamo verità; questo però non è altro che il risultato del fatto che qualsiasi discorso può sempre essere piegato in modo da farlo rientrare nell'interno di una prospettiva. Anche nel discorso che stiamo facendo qui, sulla differenza tra psicologia e spiritualità, siamo consapevoli di muoverci pur sempre dentro prospettive; la differenza è che noi qui manteniamo la consapevolezza della relatività di ogni prospettiva. Difatti non pretendiamo di separare con un taglio netto la psicologia dalla spiritualità, ma di approfittare del nostro interrogativo per conoscerle meglio e farne una migliore esperienza.

    Psicologia e spiritualità possono anche intrecciarsi in maniera da dar luogo a psicologia della spiritualità e, viceversa, spiritualità della psicologia. Nel primo caso avremo lo studio di come la pratica di una spiritualità possa creare benessere oppure problemi alla persona, nel secondo caso avremo la ricerca su come l'attenzione alla psicologia possa essere un'esperienza in grado di arricchire la vita interiore e conferirle guadagni in termini di sensi dell'esistenza.

    Va osservato che la psicologia non si occupa soltanto di chi sta male: essa è anche in grado di occuparsi delle dinamiche interne della persona, indipendentemente dalla ricerca su come farla stare bene. Per esempio, la psicologia studia certi meccanismi che s'innescano nel sentirsi figli di un padre e di una madre, indipendentemente dalla considerazione del benessere o malessere che vi siano collegati. Da questo punto di vista, effettivamente psicologia e spiritualità vengono a risultare, come minimo, intrecciate molto strettamente e difficili da districare l'una dall'altra; non vedo difficoltà, in questo senso, ad ammettere che, per alcuni versi particolari, psicologia e spiritualità si fondono completamente, sono proprio la stessa cosa; ovviamente le differenze emergono appena la ricerca si fa più dettagliata: la psicologia prenderà per esempio la strada di approfondire certe dinamiche comportamentali collegate all'essere figli, mentre la spiritualità potrà occuparsi di come l'essere figli può essere occasione di meditazione, di silenzio; in ogni caso sembra chiaro che, come per ogni cosa di questo mondo, tra psicologia e spiritualità possono anche esserci degli specifici, particolari punti d'incontro in cui esse si fondono fino ad essere esattamente la stessa cosa.





    Riassunto del video

    La creatività a cui la spiritualità tende trova un riscontro nella psicologia della Gestalt. Creatività significa anche ascolto, che è un'esperienza sociale che ci consente di vivere, ma che anche ci riduce a schemi, come ricorda Sartre quando dice che "l'inferno sono gli altri". La spiritualità, proprio per il suo essere ascolto creativo, aiuta a rimediare a questa difficoltà. Nei video dei post 031 Spiritualità e filosofia e 040 Storia della parola spiritualità si fa riferimento ad altri aspetti psicologici della spiritualità.
    Last edited by Angelo Cannata; 27.04.2019, 22:49.

Questa discussione è stata iniziata da... This topic was started by...

Collapse

Angelo Cannata Find out more about Angelo Cannata
Working...
X